BÉRBABLÙ

regia Massimiliano Valli, Luisa Pretolani

sceneggiatura Vaca

con Umberto Giovannini, Elena Bucci, Ivano Marescotti, Maria Costantini, Angela Gorini, Licia Castellari, Doriano Alessandrini, Mauro Bartoli, Gianni Zauli, Remo Rivola, Francesco Bolognesi, Rita Gallegati, Mauro Benedetti, Augusta Saragoni, Mirco Gennari, Loris Pellegrini, Francesca Airaudo, Valerio Raggi, Alberto Fabbri, Bruno Bendoni

fotografia Claudio Fontanel
montaggio Massimiliano Valli
musiche Pepe Medri
produzione Vaca Movie (Italia 2004)
durata 120 minuti


Nel 1914 in un piccolo paese sulle colline romagnole, il tempo sembra essersi fermato e la modernità arresa. In un mondo rurale, ancora denso di pratiche rurali pagane, arriva Maria, un'etnologa venuta dalla città con la sua macchina fotografica al collo per documentare una realtà destinata a scomparire. Anche lei, come tutte le altre donne, non è immune al fascino di Bérbablù, un giovane suonatore di organetto così soprannominato per la facilità con cui le conquista. Attorno a loro c'è un intero universo: Afir, la "volpe" del paese; Mufina e Didoni, due giovani in cerca di fortuna, Alvisi, un agrario recentemente arricchito e sua moglie Norma che, innamorata del musicista, con cui ha una relazione, è pronta a sfidare il destino. Tutti loro convergono nell'osteria della Tedesca, il luogo dove si incontrano e dove si consuma ogni evento e ogni passione. Quando durante una festa campestre viene ucciso il sacrestano musicista Barbot, Bérbablù decide di trovare il colpevole perché a lui deve la sua arte e il suo amore per la vita. Non sa però che dovrà affrontare una delle ombre della sua infanzia, il principe Salviati, e dovrà sacrificare l'amore per la giovane Lucia, figlia di Norma. L'entrata in guerra dell'Italia coglie Bérbablù vinto sul proprio terreno, mentre gli altri sapranno adattarsi al nuovo ordine delle cose...