TIZCA

Gli uccelli dipinti del Caucaso

regia Luisa Pretolani e Massimiliano Valli

da un soggetto di Walter Pretolani

con Elena Bucci (Tizca), Umberto Giovannini (Marco), Valerio Raggi (Wels), Davide Reviati (Moreno), Bruno Bendoni (Makaréna), Danilo Conti (Sicario Russo), Ezio Cicci Randi (Cliente di Tizca), Davide Arcangeli (Cliente di Tizca)

fotografia Massimiliano Gatti, suono Roberto Serra, musiche Giovanni Dal Monte, montaggio Massimiliano Valli
produzione VACA (Italia 2001)
durata 91 minuti

Tizca è una prostituta e pittrice russa che vive a Rimini e vede morire a New York Marco, suo socio d’affari, quando imbrogliano la mafia russa su un traffico di diamanti.
Tornata a Rimini, Tizca, è sconvolta dal vuoto lasciato da Marco.
In una galleria d'arte conosce Moreno, un giovane artista che lei vorrebbe come guida per superare la staticità che avverte nei propri dipinti. Moreno però non riesce ad accettare le due personalità di Tizca e le chiede di scegliere tra essere puttana o artista e se ne va.
Al suo rientro a Rimini, Tizca, ha ritrovato oltre ad alcuni affezionati clienti anche Wels, l'amico di Marco che l'ama e la salva da un sicario mafioso e che poi insiste per andare a restituire i diamanti alla mafia russa a New York.
Tizca, ora, deve decidere, da sola, se dare i diamanti a Wels e se accettare o meno il ritorno di Moreno pentito.
Le decisioni verranno dalla riflessione sulle dure esperienze della sua vita.